RECENSIONI
condividi:
Maria Monaci Gallenga. Fashion e arte italiana nel mondo alla GNAM di Roma
23/04/2018
- Anna Maria Di Stefano


periodo: 17/04/2018 - 03/06/2018

La mostra Maria Monaci Gallenga. Arte e moda tra le due guerre - che si è da poco inaugurata alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma - fa conoscere al grande pubblico la figura di un’artista che, nei primi decenni del XX secolo, è stata protagonista della storia della moda e promoter ante litteram - a livello nazionale ed internazionale - dell’arte decorativa italiana.

Per raccontare la complessa personalità della Gallenga (1880-1944) le curatrici - Irene de Guttry e Maria Paola Maino, in collaborazione con Gloria Raimondi e Gabriella Tarquini - sono partite da un cospicuo nucleo di documenti, foto e disegni di proprietà degli Archivi delle Arti Applicate Italiane del XX secolo, pensando di allestire una mostra con abiti e opere d’arte accostati, come faceva lei, senza far distinzione fra “arte maggiore” e “arte minore”.

L’obiettivo è stato raggiunto esponendo - oltre a un ricco materiale documentario - preziose creazioni sartoriali dell’Atelier Gallenga insieme a dipinti, sculture, vetri, ceramiche, arazzi, ricami, lavori in ferro battuto e altri oggetti d’arte decorativa dei numerosi artisti con cui collaborava.

La mostra si inserisce nel progetto di rivalutazione di artisti dimenticati perseguito da tempo dagli "Archivi delle Arti Applicate Italiane del XX secolo", Associazione fondata nel 1987 dalla de Guttry e dalla Maino, studiose di storia dell'architettura e delle arti applicate del ’900.

La mostra
L’esposizione rende parimenti merito alle due anime dell’artista: quella di creatrice di abiti sofisticati, di disegnatrice di stoffe, di sperimentatrice su tessuti pregiati di una tecnica di stampa in oro e argento segretissima e brevettata, di imprenditrice sartoriale con negozi e punti vendita in tutto il mondo e quella di ambasciatrice e promotrice delle arti decorative in Italia e all’estero.

Anticipatrice di dinamiche che - nel corso del ’900 - interesseranno le donne, la Gallenga - insieme alla milanese Rosa Genoni, a cui è stata appena dedicata la mostra Rosa Genoni (1876-1954): una donna alla conquista del ’900 (Milano, Archivio di Stato - Palazzo del Senato, gennaio-marzo 2018) - rivendica il primato italiano nella moda contro l’egemonia francese e - nello stesso tempo - la diffonde con passione nel mondo insieme alle arti applicate.

Percorrendo le sale espositive il visitatore è idealmente proiettato negli spazi della Galleria di Via Veneto o in quelli della Boutique Italienne.
Oggi come allora le sue creazioni dialogano in armonia con le opere degli artisti che apprezzava e che intendeva lanciare sul mercato dell’arte. Nomi come Duilio Cambellotti, Vittorio Zecchin, Alberto Gerardi, Emanuele Cito di Filomarino, Adolfo De Carolis, Felice Carena, Antonio Donghi, Ettore Di Giorgio, Galileo Chini, Nicola D’Antino, Giovanni Prini, Antonio Maraini, Vincenzo Cadorin, e altri ancora tutti presenti in questa mostra.

Sorprende, nella prima sala, un raffinato Abito da sera (1920), di un verde delicato in velluto e voile di seta stampati in argento a cui - per dare maggior rilievo - è riservata tutta una parete sospeso - com’è - nella solitudine dello sfondo bianco; attira magneticamente l’attenzione la Coppia di tende double face di Emanuele Cito di Filomarino, stampate in oro e argento su velluto nero sul recto, azzurro sul verso, 1924,  che, nella Biennale di Venezia del 1924, faceva da sfondo a una scultura nella Sala Maraini; colpisce una Cappa (1925-30) in velluto di seta nero stampato in oro.

Quest’ultima rimanda, nella realizzazione, ad uno dei temi decorativi preferiti dell’artista: la riproduzione di una grande immagine dorata in campo nero. In questa creazione la figura di un aggressivo rapace (uccello/drago?) fantastico campeggia sul retro riprodotta in grandi dimensioni, mentre è ripetuta una sola volta su ciascuna delle parti anteriori.
Di contro, l’Abito corto da signora esposto nello stesso ambiente - databile al 1930 ca., sempre in velluto di seta nero stampato in oro - testimonia un’altra scelta estetica della Gallenga: l’estrapolazione di piccoli, identici moduli decorativi da motivi antichi ripetuti sul tessuto in maniera seriale. Questa sala è una delle più interessanti e ricca dell’esposizione: oltre alle creazioni sartoriali propone una serie di opere notevoli. Intanto siamo introdotti nel mondo della famiglia Gallenga conoscendo Maria col suo Autoritratto (olio su tela, 1906) e col suo mezzobusto in marmo di Nicola D’Antino (1916-17); il marito Pietro e la figlia Valeria, invece, sono ritratti in olio su tela da Umberto Coromaldi (1920 ca.) e Ferruccio Ferrazzi (1920 ca.).
Sono esposte, inoltre, importanti opere di Duilio Cambellotti a cui è dedicata tutta una vetrina. Fra le tante spicca la preziosa edizione de Le favole di Trilussa (Edizioni Novisimi, 1920) per cui l’artista aveva realizzato i disegni per i fregi e le illustrazioni; ci sono poi il Vaso con cerve e il Vaso corvo e cavallo, entrambi bronzi ascrivibili agli anni 1903-6, la Mattonella con cavallo, di terracotta policroma degli anni 1910-12, il Vaso con rondini, in maiolica, del 1920 e la Coppa con mani, in gesso, del 1920.
Da non perdere, infine, i preziosi vetri di Vittorio Zecchin: vasi in vetro soffiato trasparente, in varie colorazioni: verde, celeste, ametista (1923-1925), una serie di cinque Bicchieri e un set di Bottiglia e bicchieri (tutti ascrivibili agli anni 1921-1923) anch’essi in vetro soffiato con decoro di fiori a smalti policromi.

Nella seconda sala è assoluto protagonista un sontuoso Abito da sera, in velluto di sera nero stampato in oro,  inserito fra una tempera di Adolfo De Carolis (Angelo azzurro fra i cipressi, 1899), un poetico ricamo su disegno di Vittorio Zecchin (Le stelle della sera,1919) e un arazzo sempre di Zecchin (Donne e pavoni, 1920 ca.).
Poco lontano è situato il Portafiori a forma di alberello di fico di Alberto Gerardi e Vittorio Zecchin opera in ferro battuto e piatto in vetro trasparente ametista del 1920.
Su una parete due xilografie di Ettore Di Giorgio: L’oiseau vert e La piccola Leda, entrambe del 1920-1921. Sempre in questo ambiente sono esposte altre opere in ferro battuto di Alberto Gerardi, il Candelabro francescano, 1920-23 e l’Applique francescana del 1920-23, insieme alla Lucerna di Ezio Roscitano del 1924 e alla Figura femminile del 1915, di Nicola D’Antino.

Nel lungo ballatoio che conduce alle altre sale si susseguono una serie di figurini - databili tra il 1918 e il 1925 - realizzati in gran parte da Vittoria Morelli, ma anche da Otha e da Thayaht, tutti di proprietà degli Archivi delle Arti Applicate Italiane del XX secolo.
È questa la testimonianza di come l’Atelier della Gallenga - affermandosi sempre più a livello nazionale e internazionale - abbia avuto bisogno di numerosi collaboratori.

Nella terza sala un Taglio di tessuto per cappa (velluto azzurro stampato in argento, 1920 ca.) e un Abito da sera (velluto di seta stampato in argento, 1925-30) sono mescolati ad opere ugualmente importanti come due mosaici di Vittorio Zecchin, realizzati dalla Società italiana arte musiva dal 1919 ca. e l’arazzo dei Re magi (1919 ca.) “che camminano nella neve andando verso il cielo blu”.

L’arazzo piaceva così tanto alla Gallenga da proporne l’acquisto alla figlia Valeria in una lettera scritta da Parigi: “…lo vorrei non per venderlo ma per noi. È uno dei più belli.” E così fu: l’opera è rimasta sempre nella collezione di famiglia. Tra le altre opere in sala opere poste a confronto La corazza, in bronzo del 1918 di Duilio Cambellotti e la Lampada a forma di alberello di pioppo di Alberto Gerardi in ferro battuto e vetro del 1921 ca..

Un Mantello da sera (1920-1928), in velluto di seta blu con ricami in oro, accostato a un Pannello in velluto azzurro ricamato in argento (1925 ca.) sono inseriti nell’ultima sala fra due teche.
Una contiene le piccole statue in legno di frutto di Vincenzo Cadorin (1918) che ritraggono Maria Monaci e la figlia Valeria, l’altra il Vaso in grés salato dipinto in blu di Galileo Chini del 1919-20, la Ciotola con scoiattolo di Renato Cellini, in terracotta dipinta e invetriata del 1926, il Putto con zucca di Alfredo Biagini in maiolica del 1920-22. Questo gruppo di opere è fronteggiato da una Giacca da uomo (velluto di seta stampato in oro,1925 ca.) posto fra altre bacheche con opere di Vittorio Zecchin (Coppa degli aironi, Coppetta con scarabei e Coppetta con fiori, vetro ametista con decori in oro e smalti policromi, 1919 ca.), Giovanni Prini (Primavera, ceramica policroma, 1921; La rondine, terracotta, 1918), Eleuterio Riccardi (Ritratto di bimba, bronzo, 1920 ca.), Antonio Maraini (L’attrice che si mette la maschera, gesso policromo, 1921).
Un’ultima teca propone una Tovaglia in mussola bianca ricamata, su disegno di Vittorio Zecchin, dai Laboratori di Pia Valmarana (1923-1927) e gli stampi in legno d’abete (1921-1923) che illuminano sulla tecnica di riproduzione del disegno di un ricamo su tessuto.

I documenti d’Archivio
Una menzione particolare meritano le vetrine con una selezione di circa ottanta documenti dell’Archivio delle Arti Applicate Italiane del XX Secolo, che sono stati il movente stesso della mostra: fotografie, lettere, ritagli di quotidiani, riviste ed altro ancora. Carte un po’ “spiegazzate”, pagine un po’ ingiallite ma - nello stesso tempo - fonti primarie e imprescindibili per la ricostruzione della storia e del contesto che vide protagonisti Maria Monaci Gallenga e la sua cerchia di artisti.
Fra i più significativi: le pagine de «La Fiaccola» (n. 3-4, marzo - aprile 1919) che ritraggono Maria Monaci Gallenga mentre indossa alcuni dei suoi abiti o quelle di «Emporium» (n. 314, febbraio 1921) che riproducono alcuni dei lavori di Duilio Cambellotti, Alberto Gerardi, Vittorio Zecchin - artisti ben rappresentati in questa mostra - esposti nella galleria di Via Veneto.
Interessanti anche le foto dello stand Gallenga all’Exposition Internationale des Arts Decoratifs (Parigi, 1925) o quella di Marga Sevilla - moglie di Giulio Aristide Sartorio - che indossa un abito di Maria Monaci Gallenga (1925 ca.).

È ben rappresentata poi la storia della Boutique Italienne, inaugurata a Parigi nel 1926, con il suo prezioso Album-catalogo, con le foto di alcune opere in vendita in quella sede, con una pagina da «Vogue» (ottobre 1929) che la pubblicizza con un accattivante messaggio: “L’art décoratif créé par les meilleurs artistes de l’Italie d’aujourd’hui vous sera révélé par une visite à la Boutique Italienne”.
I ritagli da quotidiani nazionali ed esteri di quegli anni (1920-1930 ca.) come «Il Giornale d’Italia», «La Tribuna», «Il Piccolo», «The Christian Science monitor», «The Daily Mirror» - solo per citarne alcuni - attestano l’interesse suscitato da Maria Monaci Gallenga e il vivace dibattito che le ruotava intorno.

E qui termina la mostra le cui opere più tarde risalgono al 1930. D’altra parte con la chiusura della Boutique Italienne nel 1934 e il definitivo rientro in Italia della Gallenga inizia il tramonto della sua stagione creativa, accelerata anche da una sempre più aggressiva presenza del regime nel settore della moda e dai venti di guerra. Con eleganza, quasi in sordina, cala il sipario sulla sua avventura. Una storia di donne, quella di Maria Monaci Gallenga, di quelle volitive e indomite che vanno dritte al punto.

indirizzo
Viale delle Belle Arti 131, Roma

accesso per i disabili
si

Immagine
Anna Maria Di Stefano
01/01/2018
Esperta di discipline biblioteconomiche e di information retrival. Dopo la laurea in Lettere (Roma, Università degli Studi “La Sapienza”) ha conseguito il Diploma di Specializzazione di Paleograf [...]
Leggi anche

Immagine
Maria Monaci Gallenga. Arte e moda tra le due guerre
11/04/2018
periodo: 17/04/2018 - 03/06/2018
Aprirà al pubblico il 17 aprile la mostra "Maria Monaci Gallenga. Arte e moda tra le due guerre", artista designer e creatrice di tessuti decorati per l’arredamento e per la moda. L’es [...]
Immagine
Maria Monaci Gallenga, un’ambasciatrice italiana nel mondo tra arte e moda
02/05/2018
Maria Monaci Gallenga (1880-1944), ambasciatrice ante litteram del made in Italy nel mondo, promotrice delle arti decorative, imprenditrice: è questa l’immagine che è emersa nella presentazione de [...]
Immagine
Interior design, arti applicate e il "repertorio dei Talenti": alla Fondazione Exclusiva un incontro per parlare di mestieri d’arte
29/11/2017
Il 30 novembre, presso la Fondazione Exclusiva di Roma si terrà la presentazione del progetto “Il Repertorio dei Talenti” durante la quale interverranno personaggi di spicco legati alla cul [...]
Immagine
Le regine del futurismo e le arti applicate in mostra al Man di Nuoro
23/03/2018
periodo: 09/03/2018 - 10/06/2018
L'Elica e la Luce. Le futuriste. 1912-1944 è il titolo della Mostra allestita al Man di Nuoro che resterà aperta fino al 10 giugno. L’esposizione, a cura di Chiara Gatti e Raffaella Resch, propon [...]
Immagine
Duilio Cambellotti, "l'opera d'arte totale" tra "mito, sogno e realtà"
18/06/2018
"Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà" è il titolo della mostra recentemente inaugurata a Roma nel prestigioso complesso dei Musei di Villa Torlonia. A quasi venti anni dall’ultima g [...]
Immagine
Uno sguardo all’ artigianato italiano di lusso esposto all’ HeyaArabian Fashion Exhibition di Doha
26/04/2018
Alla13esima edizione dell’ HeyaArabian Fashion Exhibition il Made in Italy ha fatto bella mostra di sé, attraverso la moda.Ecco infatti apparire: capi di abbigliamento e accessori su misura, pezzi [...]
Immagine
Annalia Amedeo e le sue eteree forme organiche
05/04/2016
Artista e designer ceramica, Annalia Amedeo espone la serie “Forme organiche” fino al 10 aprile, nello spazio espositivo myday- byday space in Rome, concept store diretto da Laura Helena Aureli. [...]
Immagine
La natura decostruita di Mia E Göransson
07/04/2017
Una “new nature” quasi astratta e a tratti surreale, è quella dell’artista svedese Mia E Göransson, ospitata presso le Officine Saffi a Milano per la sua prima mostra personale in Italia. [...]
Immagine
Gli Ori a Palazzo, maestri artigiani in mostra a Palazzo Ricci
04/08/2017
periodo: 20/07/2017 - 31/08/2017
Nasce da una sinergia tra le istituzioni e associazioni di categoria la mostra “Gli Ori a Palazzo” allestita presso gli spazi del Museo di Palazzo Ricci a Macerata curata dal Gruppo Orafi di Confa [...]
Immagine
“Scarpette rosse in ceramica” i ceramisti contro la violenza sulle donne
21/11/2017
Si avvicina il 25 novembre e arriva l’iniziativa “Scarpette rosse in ceramica”. Anche gli artigiani della ceramica si uniscono per dire un no deciso alla violenza sulle donne, una voce significa [...]
Immagine
Indossarte, opere d'arte da indossare al via la prima edizione
29/11/2017
periodo: 07/12/2017 - 10/12/2017
Nasce Indossarte, opere d'arte da indossare una mostra evento che porta all'attenzione del pubblico quegli oggetti d'arte, gioielli e bijoux, accessori, ma non solo, che nascono per essere indossati. [...]
Immagine
La perfezione dei mestieri: nasce Golconda Arte
20/09/2013
Molte persone sentendo la parola Golconda mi chiedono cosa significhi. Mi capita, nel cercare di spiegare il perché della scelta del nome per questo portale, di pensare a quante poche informazioni ci [...]
Immagine
Tatelier un temporary shop di artigianato a S. Teresa di Gallura
24/07/2017
Se amate l’artigianato e nelle vostre vacanze estive avete in programma di visitare Santa Teresa di Gallura in Sardegna, nelle vie del centro potrete scoprire tra negozi di arte tessile tradizionale [...]
Immagine
La Biennale di Arte Ceramica Contemporanea di Frascati diventa internazionale
30/01/2018
periodo: 26/01/2018 - 28/02/2018
Si è aperta a Frascati BACC, la Biennale d’Arte Ceramica Contemporanea di Frascati, giunta ormai alla sua terza edizione. Un appuntamento importante per tutti coloro che amano e seguono tutte l [...]
Immagine
Gioielli di scena
01/06/2015
Il volume "Gioielli di scena" di Stefano Papi guida il lettore alla scoperta di un aspetto particolare dell’affascinante mondo della lirica: la creazione di monili da palcoscenico, pezzi d [...]
Immagine
Galdus incontra il gioiello
21/03/2018
Galdus incontra il Gioiello, evento ideato e curato da Bianca Cappello presenta per la prima volta grazie alla scuola professionale Galdus, sezione Oreficeria, la Fondazione Gianmaria Buccellati, le a [...]
Immagine
Murrina Vasa, il mistero dei vasi murrini in un volume di Dario Del Bufalo
09/03/2017
Murrina Vasa. A luxury of Imperial Rome di Dario Del Bufalo, il libro che sarà presentato martedì 14 marzo a Palazzo Caetani Lovatelli, svela il segreto della Murrha. Nel volume edito dall’Erm [...]
Immagine
Il MURATS | Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda
04/08/2017
In Sardegna, a Samugheo (Oristano) centro noto per la ricca tradizione di arte tessile, si trova Il MURATS - Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda nato con l’obiettivo di salvaguardare at [...]
Immagine
PREMIO ARTIGIANO OMA dedicato a Giampiero Maracchi V EDIZIONE - 2018
21/05/2018
Tutti gli artigiani OMA sono invitati a conoscere e ad accogliere i nuovi Artigiani che riceveranno il riconocimento di qualità OMA per il talento e la produzione. L'evento si svolgerà nel comple [...]
Immagine
Il Poldi Pezzoli non va in vacanza!
06/08/2018
Un museo sempre attivo anche il pieno agosto per una lunga estate con proposte fino alla metà di settembre per adulti e per i più piccoli, la casa Museo Poldi Pezzoli con i suoi tesori di arte, arch [...]
Immagine
La fiera di Mogoro 2018 dedicata agli animali fantastici dell'artigianato sardo
26/07/2018
È dedicata agli animali l’edizione 2018 della fiera dell’artigianato artistico di Mogoro che aprirà i battenti il 28 luglio e che ci accompagnerà per tutta l’estate. Anche quest’anno turis [...]
Immagine
Workshop di kintsugi contemporaneo
05/10/2018
A Milano un workshop per apprendere l'antica tecnica del “Il kintsugi, o kintsukuroi, (“riparare con l’oro”). "Si tratta di una pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di oro o [...]
Golconda Arte. Artigianato Artistico in Italia e nel mondo. Registrazione del Tribunale di Roma n. 210/2013 - Direttore Responsabile: Elena Paloscia
Cellulare: 388.7709054 - 3478285211 - All rights reserved - Riproduzione vietata