TECNICHE
condividi:
Murrina: tecnica di produzione 26/05/2019 - Anna Maria Di Stefano

Con il termine murrina si indicano oggi due entità differenti ma affini: da una parte la sezione di una canna di vetro caratterizzata da disegni prestabiliti di vario colore; dall’altra l’opera completa costituita dall'unione di queste piccole tessere.

La tecnica di produzione è antichissima, risalente ad età alessandrina e romana. Riscoperta nel corso dei secoli, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento fu prodotta Murano essenzialmente dalla Fratelli Toso (1854-1981), di cui divenne quasi il marchio di fabbrica.

La produzione di una murrina (intesa come “sezione di canna di vetro”) si effettua in vari passaggi, per sovrapposizione di strati di vetro tutti di colori diversi:
- premettendo che ogni crogiolo può contenere solo un colore alla volta, caratterizzato da una composizione chimica ben precisa, il maestro vetraio immerge la punta di un’asta metallica nella massa vetrosa fusa all’interno di un crogiolo e ripete l’operazione in altri crogioli e con altri colori a seconda degli strati e delle sfumature cromatiche desiderate


- si ottiene così una sorta di cilindro che, per essere portato alla forma di “canna,” è collegato ad un secondo supporto metallico opposto alla posizione del primo e tirato da due maestri vetrai - i tiracanna - fino a che la canna di vetro non raggiunga il diametro e la lunghezza desiderata (ce ne possono essere lunghe sino a 100/150 metri!)

- una volta poggiata a terra e raffreddata la canna viene divisa in sezioni: le tessere ottenute presentano così tutte lo stesso motivo decorativo

Per ottenere il vetro murrino si selezionano le murrine ottenute col procedimento descritto e si poggiano su un piano di bronzo secondo un disegno prescelto, colmando gli spazi vuoti con spezzoni di bacchette cilindriche di vetro. L’insieme viene riscaldato più volte per eliminare tutti i vuoti presenti. Alla fine di queste operazioni il maestro lavora il pezzo “a soffio” o “a mano volante”.

Immagine
Anna Maria Di Stefano
01/01/2018
Esperta di discipline biblioteconomiche e di information retrival. Dopo la laurea in Lettere (Roma, Università degli Studi “La Sapienza”) ha conseguito il Diploma di Specializzazione di Paleograf [...]
Leggi anche

Immagine
L’arte dei “murrinari” in mostra alla Casina delle Civette la collezione dei fratelli Toso tra artigianato e design
21/05/2019
Dal 18 maggio con la mostra "La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980" si può ripercorrere alla Casina delle Civette (Roma) la storia e la produzione di una delle manifatture più [...]
Immagine
La Fratelli Toso: un affare di famiglia
11/06/2019
Maestri vetrai a Murano: i Fratelli Toso Nel 1854 sei fratelli - Ferdinando, Carlo, Liberato, Angelo, Giovanni e Gregorio - del ramo “Cangioro” della numerosa famiglia Toso, avviano, a Murano, l [...]
Immagine
La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980, in mostra alla Casina delle Civette
13/05/2019
periodo: 18/05/2019 - 15/09/2019
È un omaggio ad una delle vetrerie muranesi storiche più importanti di Murano la mostra “La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980” che resterà aperta alla Casina delle Civette a Roma [...]
Golconda Arte. Artigianato Artistico in Italia e nel mondo. Registrazione del Tribunale di Roma n. 210/2013 - Direttore Responsabile: Elena Paloscia
Cellulare: 388.7709054 - 3478285211 - All rights reserved - Riproduzione vietata