MOSTRE
condividi:
Il posto della frutta: contenitori e antichità nelle nature morte di Luciano Ventrone
10/02/2018
- Elena Paloscia


periodo: 19/11/2017 - 25/02/2018

A guardarle si direbbero fotografie le nature morte di Luciano Ventrone, artista romano classe 1942 attivo sin dagli anni Sessanta, che dipinge frutta e fiori con un iperrealismo fuori dal comune. Ciò che più ci attrae e ci interessa in questa sede, è la relazione  nelle sue opere tra contenuto e contenitore, ovvero le ciotole, i vasi i cestini o i reperti antichi in cui l’artista dispone meticolosamente le proprie composizioni.

Sono oggetti semplici talvolta, come i cesti in vimini di provenienza contadina,  manufatti che testimoniano la ricerca della genuinità e dell’autenticità  di una bellezza che non risiede nella perfezione formale della frutta o dei fiori, che proprio in virtù di questo ci appaiono sempre autentici e vitali. 

Altre volte il contenitore si fa prezioso, in ceramica con decori blu, in alabastro, in onice, in metallo o in marmo sbalzato,  e scopriamo ancora una volta che la scelta non è casuale, le ciotole e i vasi ritratti provengono spesso infatti da una collezione che l’artista con la moglie, la fotografa Miranda Gibilisco, anche autrice delle fotografie da cui l'artista trae i suoi dipinti, ha raccolto nel tempo, nel corso dei suoi viaggi. Vengono dalla Spagna, dall’Africa, e da molti altri paesi del Mondo  anch’essi sono traccia e documento di un’autenticità del fare, questa volta di un fare laborioso e pregiato che affascina Ventrone in ogni dettaglio. 

Si ha così “l’opera nell’opera”, il manufatto, di pregio o non, acquisisce uno status e una vitalità che senza il contenuto non avrebbe, la funzione è esaltata ai massimi livelli da una pittura impeccabile e rispettosa che ne valorizza, quasi “consacrandole”,  le qualità materiche e di lavorazione e che qui, in un’opera bidimensionale, possiamo solo ammirare e non toccare.

Lo stesso avviene con i supporti archeologici:  il  frammento, un capitello o un vaso a bassorilievo che in passato era forse deputato ad altra funzione, accolgono una natura sfiorita, frutta con le foglie secche, grappoli d’uva pigramente adagiati.
E ancora una volta si avvia la dialettica tra l’eterna, potenziale esistenza del manufatto e la precarietà della natura che muore per poi rinnovarsi. Il dialogo si fa serrato, l’occhio passa da un elemento all’altro esaminando i particolari e cercando in quei dettagli scolpiti il senso del tempo.

Proprio al dialogo con l’antico è dedicata l’esposizione “MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality”, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, in cui l’artista presenta 30 dipinti inediti, in corso fino al 25 febbraio 2018  al Museo Civico Archeologico e Pinacoteca “Edilberto Rosa” di Amelia (TR).In occasione della mostra è stato pubblicato un catalogo Cambi editore.

 

Luciano Ventrone – Matrix. Oltre la realtà / Beyond reality
Museo Civico Archeologico e Pinacoteca “Edilberto Rosa”
Indirizzo Piazza A. Vera 10, Amelia (TR)

19 novembre 2017 – 25 febbraio 2018

Orari: venerdì, sabato, domenica e festivi (chiuso a Natale) ore 10.00-13.30 e 15.00-18.00. Prefestivi, 15.00-18.00

infoline 348.9726993
email info@associazionearchiviventrone.com

Prenotazioni: Call center Sistema Museo 199.151.123;

Museo 0744.978120 - email amelia@sistemamuseo.it

Ufficio stampa Archivio Ventrone:
Paola Saba, cell. 338.4466199 - email paolasaba@paolasaba.it
Ufficio stampa Sistema Museo
Sara Stangoni cell. 334.1046655 – email ufficiostampa@sistemamuseo.it

Leggi anche

Golconda Arte. Artigianato Artistico in Italia e nel mondo. Registrazione del Tribunale di Roma n. 210/2013 - Direttore Responsabile: Elena Paloscia
Cellulare: 388.7709054 - 3478285211 - All rights reserved - Riproduzione vietata