MUSEI
condividi:
Faenza - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza 05/11/2013

Il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza è stato fondato nel 1908 da Gaetano Ballardini, direttore del Museo fino al 1953, alla conclusione della grande Esposizione Internazionale dedicata al terzo centenario della nascita di Evangelista Torricelli che ospitò i prodotti di molte manifatture italiane ed europee. La donazione delle opere ceramiche da parte degli espositori costituì il nucleo originario del Museo che progressivamente si arricchì di altri esemplari. La crescita dell’istituto subì un brusco arresto il 13 maggio 1944, quando un bombardamento ne causò la quasi completa distruzione con gravi e insanibili perdite nelle collezioni. “Post fata Resurgo” fu il motto per la ricostruzione: grazie al sostegno di una fitta rete di contatti nazionali ed internazionali, lo stesso Ballardini riorganizzò le raccolte e diede nuovo impulso alla vita del museo.
Il MIC rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la ceramica antica, moderna e contemporanea, nazionale ed internazionale; il suo patrimonio storico artistico raccoglie circa 60.000 ceramiche, tra le quali autentici capolavori, a testimoniare le produzioni di ogni epoca e continente, da antichi reperti di area mesopotamica del VI millennio a.C. alle opere di grandi artisti contemporanei quali Picasso, Matisse, Chagall, Fontana e Burri.
Autentico polo culturale, il museo offre servizi fondamentali alla comprensione e fruizione del patrimonio ceramico: la Biblioteca specializzata, aperta al pubblico, con un patrimonio di circa 63.000 volumi e un migliaio di riviste, la Fototeca e l’Archivio storico, di recente oggetto di notifica da parte del Ministero dei Beni Culturali.
Al MIC è inoltre attivo il laboratorio didattico “Giocare con l’Arte”, basilare per il suo ruolo formativo, ideato nel 1979 da Bruno Munari, col preciso intento di fornire ai bambini una consapevole lettura degli oggetti del Museo, attraverso lo svolgimento di attività manipolative dell’argilla.
La Sezione Restauro e Catalogo, attraverso un laboratorio con specifiche competenze tecniche, si occupa della conservazione e restauro delle opere del Museo e indirizza la propria attività anche a committenti privati e pubblici. La sezione comprende anche il servizio di catalogazione e il laboratorio fotografico per la documentazione delle raccolte del museo.
Completa l’attività del MIC il Concorso Internazionale della Ceramica d’Arte – Premio Faenza attivo dal 1932. Divenuto nazionale nel 1938 e biennale dal 1989, nel 1963 si è ampliato a livello internazionale. La manifestazione è stata, fin dall’inizio, un importante momento nella valorizzazione, nel rinnovamento, nella promozione della ceramica dando impulso a una ricerca complessa, sia estetica che tecnologica.
Al Concorso di Faenza hanno partecipato grandi artisti che hanno fatto non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura, con aspetti non marginali sul fronte della sperimentazione e della contaminazione fra i vari materiali non esclusivamente ceramici.
Il MIC pubblica con continuità dal 1913 la rivista di studi ceramici “Faenza”, nota a livello internazionale.


 

indirizzo
Viale Baccarini, 19, Faenza (RA)

telefono
Info: 0546 697311,

email
info@micfaenza.org

web
http://www.micfaenza.org/it/

orari
Aperto: dal martedì alla domenica e festivi 10-19

accesso per i disabili
si

biglietti
Ingresso: intero 8 euro, ridotto 5 euro.

Golconda Arte. Artigianato Artistico in Italia e nel mondo. Registrazione del Tribunale di Roma n. 210/2013 - Direttore Responsabile: Elena Paloscia
Cellulare: 388.7709054 - 3478285211 - All rights reserved - Riproduzione vietata